Cuscino per cervicale: meglio memory o lattice?

Tutti, almeno una volta nella vita, si sono ritrovati a fare i conti con la cervicalgia, più nota come cervicale. Un fastidio che coinvolge nervi, ossa e muscoli. In alcuni casi dura solo qualche giorno ma c’è chi deve far fronte al problema anche per mesi o addirittura anni. Stress e poco riposo sono gli “alleati” principali della cervicale. Anche stare seduti e la postura scorretta agevolano questo disagio. Un rimedio efficace è rappresentato sicuramente dall’acquisto di un cuscino per cervicale. Ma quale comprare?

I materiali

Uno dei fattori da prendere in considerazione al momento dell’acquisto è senza alcun dubbio il materiale con cui è stato realizzato il cuscino per cervicale. Come scritto su www.cuscinipercervicale.it i modelli in commercio sono tanti ma i più usati sono quelli in lattice o in memory foam. Si tratta di prodotti che non si deformano e che risultano, dunque, validi per far fronte alla cervicale.

In vendita si trovano anche cuscini realizzati con la piuma d’oca; talvolta però può capitare che il materiale interno si sposti e che dunque il cuscino possa deformarsi. Per viaggiare ci sono poi cuscini gonfiabili che permettono un maggiore riposo durante il tragitto.

In memory foam

Tra i cuscini per la cervicale, quello in memory foam è sicuramente tra i più gettonati. Il materiale assicura grossi benefici a chi lo utilizza perché si adatta alla testa, al collo e alla spalle del consumatore. Il nome del cuscino nasce dal fatto che questo materiale prende la forma della testa di chi ne fa uso per poi tornare al punto di partenza dopo una manciata di secondi.

I prezzi dei cuscini sono abbastanza accessibili; inoltre tali articoli durano a lungo. Se volessimo trovare un punto di debolezza, potremmo dire che questo materiale tende ad essere poco traspirante. In estate potrebbero, dunque, assorbire maggiore calore rispetto ad altri modelli.

In lattice

Un altro cuscino usato per contrastare i fastidi della cervicale è sicuramente quello in lattice. Si tratta di prodotti realizzati con materiale traspirante: addio, allora, a cattivi odori e ad umidità. Il cuscino è comodo e confortevole ed anche anallergico. Tali articoli presentano un costo molto alto se realizzati al 100 per cento in lattice. Molti prodotti, che si trovano oggi in vendita, vedono una percentuale di lattice mescolata ad altri materiali, come acqua e aria. Rispetto ai cuscini memory foam, quelli in lattice non assorbono calore e soprattutto tornano subito alla forma originale.