Perché il tappeto elastico è molto più di un gioco

Quando si vede in un giardino o in un parco un tappeto elastico si è portati a pensare, erroneamente, che sia solo un gioco per bambini. In realtà, oltre ad essere un ottimo passatempo ludico per bambini e non, il telo da salto è un attrezzo ginnico praticato agonisticamente da atleti che partecipano anche alle Olimpiadi, essendo questo un vero e proprio sport riconosciuto a livello olimpionico. Certo, i bambini ci si divertono un mondo a saltarci sopra, ma anche i grandi possono farlo con una serie di benefici che vanno ben al di là del gioco e della sensazione di libertà che dona questa pratica.

Saltare sul tappeto elastico, infatti, fa bene ai muscoli perché li tonifica e alla linea per chi è in sovrappeso, in quanto aiuta a bruciare le calorie di troppo e a tornare in forma, se praticato in modo assiduo. Serve anche a calibrare l’equilibrio e la coordinazione nei movimenti, oltre a far bene alle articolazioni sollecitate dal movimento del salto, in fase di allenamento. Allenarsi sul tappeto con i propri figli, insomma, fa bene e diverte, a patto che si testi la sicurezza del prodotto e la sua portata, espressa in chili. Generalmente, i migliori teli da salto supportano fino a 150 chili di peso, quindi si suggerisce di tenere bene a mente questo valore, per non oltrepassarlo e ritrovarsi, magari, ammaccati per terra.

Ecco perché la sicurezza è uno dei parametri fondamentali da calcolare prima dell’acquisto di un buon tappeto elastico, insieme alla solidità della struttura del telaio che compone l’attrezzo, soprattutto se l’intenzione è quella di un uso frequente e promiscuo grandi-piccoli. I materiali, poi, devono essere resistenti e a prova di salto, si consiglia un prodotto in acciaio, dotato di componenti da avvitare e con le molle indistruttibili. E’ sempre bene far caso anche al rivestimento delle parti metalliche, che sarebbe meglio fossero ricoperte da cuscinetti in schiuma per attutire eventuali colpi. Testata la sicurezza del tappeto elastico, non resta che augurare buoni salti, da soli o in compagnia.